cover

I VALORI AL CINEMA

Una prospettiva etico-estetica

Mario De Caro, ENRICO TERRONE

Questo volume analizza i due valori che rendono il cinema così importante per la nostra cultura. Da una parte, il valore estetico, che ci porta a dire che un film è bello o brutto, merita o non merita di essere visto. Dall’altra, il valore etico, in base al quale ci appassioniamo alle vicissitudini dei personaggi, ci interroghiamo sulle loro scelte, prendiamo posizione sulle loro azioni e ci sentiamo appagati o demoralizzati dal loro destino. La prima parte del libro discute i valori etici ed estetici del cinema alla luce del dibattito sulla critica morale dell’arte che si è imposto negli ultimi decenni nella filosofia internazionale, rimanendo però sinora inaccessibile al lettore italiano. La seconda parte considera l’intreccio di etica ed estetica in alcuni dei capolavori della storia del cinema, lungo un arco temporale che dall’epoca del muto arriva fino ai giorni nostri.

Autore/i e indice

Gli autori

Mario De Caro è professore di Filosofia morale all’Università Roma Tre e regolarmente Visiting Professor alla Tufts University. Già Visiting a Harvard e MIT, è presidente della Società Italiana di Filosofia Morale ed esecutore letterario di Hilary Putnam. È autore di Realtà (Bollati Boringhieri, 2021), Le sfide dell’etica (Mondadori Università, 2021) e Liberal Naturalism (Harvard UP, in preparazione).

Enrico Terrone è professore di Estetica presso l’Università di Genova e Principal Investigator del progetto ERC «The Philosophy of Experiential Artifacts». Ha lavorato presso KHK (Bonn), FMSH (Parigi), Institut Jean Nicod (Parigi) e LOGOS (Universitat de Barcelona). Ha pubblicato articoli su «The British Journal of Aesthetics» e «The Journal of Aesthetics and Art Criticism».

Indice

  • Nota al testo;
  • I. La valutazione etico-estetica dei film:
    1. Introduzione;
    2. La valutazione estetica;
    3. La valutazione etica;
  • II. La valutazione etico-estetica del cinema classico:
    4. Il caso Griffith: arte e razzismo;
    5. Il caso Hitchcock: arte e perversione;
    6. Il narratore inaffidabile: Detour di Edgar G. Ulmer;
    7. Al di là dell’eroe: L’infernale Quinlan di Orson Welles;
  • III. La valutazione etico-estetica del cinema moderno:
    8. La vampirizzazione dell’innocenza: Persona di Ingmar Bergman;
    9. Immagini del fascismo (1/2): Il conformista di Bernardo Bertolucci;
    10. Il valore della libertà: Arancia meccanica di Stanley Kubrick;
    11. Autoritratti immorali (1/2): La maman et la putain di Jean Eustache;
    12. Immagini del fascismo (2/2): Salò o le centoventi giornate di Sodoma di Pier Paolo Pasolini;
  • IV. La valutazione etico-estetica del cinema contemporaneo:
    13. Ironia postmoderna (1/2): Velluto blu di David Lynch;
    14. Autoritratti immorali (2/2): Le notti selvagge di Cyril Collard;
    15. Ironia postmoderna (2/2): Fargo di Joel & Ethan Coen;
    16. Come sarebbe il mondo senza valori morali: La vergine dei sicari di Barbet Schroeder;
    17. L’eroe brutale: Parla con lei di Pedro Almodóvar;
    18. L’eroina brutale: Titane di Julia Ducournau;
  • Bibliografia;
  • Indice dei film;
  • Indice dei nomi.

Altre opere a catalogo

IL MEDIUM SIAMO NOI

Giampiero Moscato, Tommaso Romanin, Francesco Monti

Università e saggistica – Comunicazione e media