Come e perché interrompere e riorientare la nostra comprensione del Mediterraneo, delle sue storie e culture? Prodotte nel tempo e nello spazio, le geografie e le storie non sono mai neutrali, ma sempre il risultato di imposizioni e contestazioni; sono, in ultima analisi, elaborate e praticate da coloro che hanno il potere di imporre le proprie mappe e cronologie. Ragionando in termini dell’impatto storico e culturale della configurazione mobile, migratoria e mutevole del Mediterraneo, le prospettive proposte in questo volume cercano deliberatamente di smontare e disfare l’autorità dell’archivio attuale. Al suo posto si propone un insieme di considerazioni interdisciplinari e transculturali che permetta a un altro Mediterraneo – subalterno, rimosso e negato – di emergere, per interrogare e interrompere la narrazione abituale.

Risorse digitali e approfondimenti

Autori

Iain Chambers, nato in Inghilterra ma abitante a Napoli, insegna Studi Culturali e Postcoloniali del Mediterraneo all’Università di Napoli «L’Orientale». Dal tempo si occupa di tradurre un approccio interdisciplinare e transnazionale in una serie di studi sulla formazione storica e culturale del Mediterraneo moderno. Tra le sue pubblicazioni, Le molte voci del Mediterraneo (2007), Mediterraneo blues. Musiche, malinconia postcoloniale, pensieri marittimi (2012), Postcolonial Interruptions, Unauthorised Modernities (2017) e Paesaggi Migratori. Cultura e identità nell’epoca postcoloniale (2018).

Marta Cariello insegna Letteratura Inglese e Studi Culturali presso l’Università della Campania «Luigi Vanvitelli». I suoi principali temi di ricerca sono la letteratura postcoloniale e la scrittura femminile araba anglofona. Tra i suoi volumi, Scrivere la distanza. Uno studio sulle geografie della separazione nella scrittura femminile araba anglofona (2012). È co-fondatrice e co-direttrice della rivista de genere «Journal of Literary, Postcolonial and Gender Studies». La sua ricerca è attualmente rivolta al Mediterraneo come spazio critico della Modernità e alla tematizzazione della nazione nella scrittura femminile postcoloniale.

Indice

Introduzione; 1. Mappe; 2. Memorie e archivi; 3. Tempi e luoghi; Conclusioni: le tracce che ci interrogano; Indice dei nomi.

Configurazioni e acquisto

  • Edizione cartacea

    pp. VIII-152 isbn: 9788861847002

  • Edizione digitale

    pp. 160 isbn: 9788861847019

Sei un docente? Richiedi la tua copia saggio gratuita!