Gorbačëv e il collasso dell’Unione Sovietica

Gli obiettivi


La fine dell’Unione Sovietica è una questione storiografica ancora aperta e oggetto di dibattito tra gli storici. Perché e come è crollato il sistema politico, nato con la Rivoluzione bolscevica dell’ottobre 1917, sono domande che riguardano un passaggio fondamentale della storia del Novecento, non senza ripercussioni fino al nostro presente. La figura di Michail Sergeevič Gorbačëv, oggetto di giudizi storiografici contrastanti, si pone al centro del processo che ha condotto alla dissoluzione dello Stato sovietico. La politica di riforma dell’URSS da lui avviata, la perestrojka, è stata un ultimo tentativo di salvare il sistema o la causa del suo collasso? E nel determinare il crollo dello Stato comunista quale è stato il ruolo dell’inefficienza sistemica dell’economia socialista? Quale quello del fattore nazionale e delle difficili relazioni tra centro e periferia?

Si parlerà di:

  • L’Unione Sovietica alla metà degli anni Ottanta. Verrà presentato il periodo precedente all’ascesa di Gorbačëv: il percorso dell’Urss dopo Stalin infatti si è snodato attraverso tentativi riformisti e resistenze conservatrici; l’invasione sovietica dell’Afghanistan ha segnato l’inizio di un’aspra fase del confronto bipolare, mentre la dirigenza sovietica, negli ultimi anni di Brežnev e quindi con la leadership di Andropov e poi di Černenko, mostrava un certo affanno nel gestire un sistema che mostrava segni di crisi.

  • Un giovane leader comunista: Gorbačëv. Si ricostruirà il contesto nel quale è avvenuta l’elezione di Gorbačëv alla carica di segretario generale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica (PCUS). 

  • Perestrojka e glasnost’. Si esporrà il programma di riforme lanciato da Gorbačëv tra innovazioni, contraddizioni, speranze ed errori. Gli effetti salienti del programma sono stati la glasnost’ e il travagliato processo di apertura del sistema politico, l’inizio di nuovo dibattito nella società sovietica e il convulso processo di riforma politica del sistema che ne è derivato.

  • Una nuova distensione internazionale. Si farà un quadro del rapporto tra Urss e Stati Uniti. Si descriveranno inoltre il ritiro delle truppe sovietiche dall’Afghanistan e il progetto della Casa comune europea.

  • Il crollo del muro di Berlino. Si ricostruirà la presenza del blocco sovietico in Europa centro-orientale dalla primavera di Praga alla crisi polacca degli anni Ottanta. Verranno discussi anche gli effetti della perestrojka su Paesi socialisti, la politica di Mosca verso i Paesi del patto di Varsavia, gli accadimenti dell’Ottantanove e il crollo dei regimi socialisti, la fine della guerra fredda.

  • L’impero vacilla. Si farà un quadro dei fattori di crisi dell’Unione Sovietica, a cominciare dalle fragilità politiche e dalla crisi economica, fino alla questione nazionale e al problema dell’Ucraina.

  • Il collasso dello Stato comunista. Verranno ripercorsi gli eventi che porteranno al crollo dell’Urss: il referendum del marzo 1991 sulla conservazione della Federazione; l’elezione di El’cin alla presidenza della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa; i negoziati per un nuovo trattato dell’Unione; il golpe dell’agosto 1991; il crollo definitivo dell’Urss e le sue cause.



Relatore


Adriano Roccucci insegna Storia contemporanea presso il Dipartimento di Filosofia Comunicazione e Spettacolo dell’Università Roma Tre. I suoi interessi di ricerca si sono rivolti, tra l’altro, alla crisi dello Stato liberale in Italia dall’età giolittiana all’avvento del fascismo, alla storia russa in età contemporanea, alla politica estera sovietica nei confronti dell’Europa occidentale, al rapporto fra nazione e religione nell’Europa centro-orientale. Tra i suoi studi ricordiamo Roma capitale del nazionalismo 1908-1923 (2001) e Stalin e il patriarca. Chiesa ortodossa e potere sovietico 1917-1958 (2011). È autore, con Lucio Caracciolo, del manuale Storia contemporanea. Dal mondo europeo al mondo senza centro (Le Monnier Università, 2017).

 

Moderatore


Duccio Canestri, Docente e consulente editoriale, Mondadori Education.

 

Come partecipare



  • Ti ricordiamo che l'iscrizione è avvenuta correttamente solo se hai ricevuto la mail di conferma di iscrizione. Per partecipare alla diretta streaming, basta cliccare sul link inserito nella mail di conferma iscrizione e cliccare sul tasto PARTECIPA, nel giorno e all’ora dell’evento prescelto.

  • Se non hai ricevuto la mail di conferma di iscrizione, controlla la cartella posta indesiderata o spam. Qualora la mail di iscrizione non fosse presente neanche in questa cartella, ti consigliamo di ripetere l’iscrizione e completare la procedura entro l'orario di inizio dell'evento. Hai tempo fino alle ore 23:59 del giorno del live per vederlo e ricevere l'attestato di partecipazione.


Non sei riuscito/a a iscriverti correttamente? Consulta la pagina FAQ

Attestato di partecipazione


Entro una settimana lavorativa dall'evento il tuo attestato di partecipazione sarà disponibile alla pagina mondadorieducation.it/attestati 

 

Dal nostro Catalogo

STORIA CONTEMPORANEA

Lucio Caracciolo, Adriano Roccucci


Il mondo, divenuto negli ultimi due secoli sempre più interconnesso e interdipendente, è al centro di una ricostruzione originale dell'età contemporanea. Le trasformazioni della società, le evoluzioni dei sistemi politici, le elaborazioni culturali, i processi di modernizzazione sono esaminati nel rapporto ineludibile e costitutivo con le dinamiche geopolitiche e i fenomeni di interazione su scala globale. Dalla considerazione della pluralità di aree geopolitiche, di universi culturali e di itinerari storici che forma la trama del mondo contemporaneo deriva il superamento di una narrazione eurocentrica. Ne risulta arricchita l'intelligenza delle stesse vicende europee, come pure di quelle italiane, collocate nell'opportuna prospettiva mondiale. Questo volume offre un quadro ampio e chiaro di conoscenze e interpretazioni della storia contemporanea, utili a comprendere le vicende del mondo dalla metà dell'Ottocento, segnata dal protagonismo dell'«Europa mondiale», fino ai nostri giorni, caratterizzati da un «mondo senza centro». Un ricco apparato cartografico arricchisce il volume.
Scopri di più

LE CARTE DELLA STORIA

Lucio Caracciolo, Adriano Roccucci


Una ricchissima cartografia, una vasta selezione di fonti e costanti riferimenti interdisciplinari diventano i pilastri di quest'opera e dello studio stesso della Storia
Scopri di più

LIMES

Lucio Caracciolo, Adriano Roccucci


Lucio Caracciolo e Adriano Roccucci danno vita ad un corso di storia interdisciplinare ed inclusivo, pensato appositamente per gli Istituti Tecnici
Scopri di più