Nell’era dei social media, delle fake news e del capitalismo dei Big Data, lo sviluppo di senso critico, consapevolezza e responsabilità appare più che mai urgente, per i giovani e gli adulti, per conoscere e ‘governare’ il cambiamento tecnologico così da orientarlo verso obiettivi sostenibili per la nostra società. In questa prospettiva, non è tanto (o soltanto) di abilità tecnico-strumentali che abbiamo bisogno, ma di un approccio educativo più ampio – la media education – per conoscere come funzionano i media, quali realtà rappresentano, quali interessi politico-economici li muovono e come gli utenti li usano. Di questo approccio, David Buckingham, studioso tra i più conosciuti e apprezzati al mondo, fornisce non solo un quadro concettuale chiaro, sintetico e rigorosamente argomentato, ma anche una varietà di esempi e suggerimenti concreti immediatamente spendibili da chi è in qualche modo implicato nell’educazione (studiosi, insegnanti, educatori, genitori, figli) nella convinzione che il «compito ultimo dell’educazione non è soltanto quello di farci capire come convivere con l’esistente, ma anche quello di incoraggiarci ad esplorare vie alternative e a immaginare il cambiamento futuro». L’edizione italiana è a cura di Gianna Cappello.

Risorse digitali e approfondimenti

Autori

Attualmente Professore Emerito presso la Loughborough University, David Buckingham ha fondato e diretto per lungo tempo il Centre for the Study of Children, Youth and Media presso l’Institute of Education della London University. È consulente sul tema media, educazione e giovani per organismi internazionali come l’UNESCO, le Nazioni Unite, l’Unicef, la Commissione Europea. Ha al suo attivo oltre 30 libri, alcuni dei quali tradotti in 15 lingue, incluso l’italiano. Tra le sue pubblicazioni più recenti troviamo The Civic Web: Young People, the Internet and Civic Participation (2013) e Youth Cultures in the Age of Global Media (2014). Attualmente è impegnato in un ambizioso progetto di ricostruzione storica del rapporto tra media, giovani e infanzia – Growing Up Modern: Childhood, Youth and Popular Culture Since 1945 – interamente disponibile in modalità open access nel suo blog personale

Indice

La media education a scuola. Un approccio olistico per la costruzione della cittadinanza digitale di Gianna Cappello; Ringraziamenti; Introduzione; 1. Un panorama mediale in trasformazione; 2. Oltre i rischi e i benefici; 3. I limiti della media literacy; 4. Il contesto più ampio; 5. Diventare critici; 6. La pedagogia della media education: insidie e principi; 7. Media education e social media; 8. La media education in pratica; 9. La politica del possibile; Conclusione.

Configurazioni e acquisto

  • Novità

    Edizione cartacea

    pp. XVIII-94 isbn: 9788861848061

  • Novità

    Edizione digitale

    pp. 112 isbn: 9788861848078

Sei un docente? Richiedi la tua copia saggio gratuita!