LA MOLTITUDINE APOLITICA

Culture politiche e voto alle masse in età giolittiana (1904-1913)

Marco Pignotti

1913. L’Italia diventa il sesto Paese al mondo nel rapporto elettori/abitanti e sopravanza Inghilterra e Francia. Nove milioni di cittadini vengono convocati alle urne, metà dei quali analfabeti. Considerati per anni come teppa o plebaglia, questa folla viene percepita dalla classe dirigente conservatrice e progressista come una moltitudine apolitica. D’altronde, il voto alle masse muta irreversibilmente la scena pubblica finendo per condizionare tutti i soggetti che finora l’hanno dominata. L’irruzione del popolo escluso proietta sull’intero sistema interrogativi intorno a grandi questioni come la legittimità, l’esigenza di costituire un partito della borghesia, il rapporto fra esecutivo e assemblea, l’imperatività del mandato parlamentare, la strategia comunicativa e, infine, i costi della politica. Temi di vitale importanza non solo per intellettuali ed accademici, ma soprattutto per gli «invisibili» di Montecitorio che rappresentano quella pletora di notabili la cui presenza si è sempre rivelata funzionale alla tenuta dell’assetto istituzionale.

Risorse digitali e approfondimenti

Autori

Marco Pignotti, docente di Storia contemporanea presso l’ateneo di Cagliari, attualmente insegna Storia della comunicazione e storia sociale e politica del Novecento. Si è occupato prevalentemente di Risorgimento e di rapporti fra Stato e Chiesa pubblicando Potestà laica e religiosa potestà. Il concordato fra il Granducato di Toscana e la Santa Sede del 1851 (Le Monnier, 2007); Una nazione da inventare (Nerbini, 2011) e Lealtà ecclesiastica e politica unitaria. Luigi Amat di San Filippo: vita e politica di un cardinale di Pio IX (AM&D, 2012); e di storia politica e istituzionale in età liberale (Candidati notabili elezioni. Lotta politica e municipale nella Liguria giolittiana, Franco Angeli, 2001).

Indice

Introduzione; 1. Ignoranti e ignorati; 2. Ceto politico e suffragio; 3. Municipio e nazione; 4. Masse e voto; Note; Bibliografia; Indice dei nomi.

Configurazioni e acquisto

  • Edizione cartacea

    pp. VIII-312 isbn: 9788800748612

  • Edizione digitale

    pp. 320 isbn: 9788800748629

Sei un docente? Richiedi la tua copia saggio gratuita!