scuola-lavoro

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Potenzia la collaborazione formativa tra la scuola e il mondo del lavoro e si inserisce nell’offerta formativa di tutti gli indirizzi di studio della scuola secondaria di secondo grado come parte integrante dei percorsi di istruzione ed è prevista dalla legge 107/2015.

La domanda di abilità e competenze di livello superiore si prevede crescerà ulteriormente nei prossimi anni perciò i sistemi di istruzione devono impegnarsi ad innalzare gli standard di qualità e il livello dei risultati di apprendimento per rispondere adeguatamente al bisogno di competenze e consentire ai giovani di inserirsi con successo nel mondo del lavoro.

Strategia Europa 2020: Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva,
programma Istruzione e Formazione 2020 (2009/C 119/02) in Guida operativa MIUR - Alternanza scuola-lavoro.

COSA PREVEDE L’ALTERNANZA

Percorsi obbligatori nel secondo biennio e nell’ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado con una differente durata complessiva rispetto agli ordinamenti: almeno 400 ore negli istituti tecnici e professionali e almeno 200 ore nei licei, da inserire nel piano triennale dell’offerta formativa

Il dirigente scolastico ha il compito di individuare gli enti disponibili per l’attivazione e stipulare convenzioni con:

Imprese e Associazioni
Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura
Enti pubblici e privati
Ordini professionali
Musei e istituti pubblici e privati operanti nei settori del patrimonio
e delle attività culturali, artistiche e musicali
Enti che svolgono attività afferenti al patrimonio ambientale
Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI

Le scuole riceveranno fondi che finanziano l’organizzazione delle attività, l’assistenza tecnica e il monitoraggio dei percorsi e potranno organizzare corsi di formazione in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Il dirigente scolastico stenderà una scheda di valutazione finale sulle strutture convenzionate, redatta al termine di ogni anno scolastico, in cui sono evidenziate le specificità del loro potenziale formativo e le eventuali difficoltà incontrate nella collaborazione.

NASCE


La Carta dei diritti e dei doveri degli studenti in Alternanza scuola-lavoro,
con la possibilità, per lo studente, di esprimere una valutazione sull’efficacia e sulla coerenza dei percorsi con il proprio indirizzo di studio.

Il Registro nazionale per l’Alternanza scuola-lavoro,
in cui sono visibili le imprese e gli enti pubblici e privati disponibili con costituzione presso le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura.

UN PROGETTO DI VALORE, PERCHÉ


attua modalità di apprendimento flessibili ed equivalenti sotto il profilo culturale ed educativo che collegano la formazione in aula con l’esperienza pratica, in particolare offre:

1.
competenze spendibili anche nel mercato del lavoro

2.
favorisce l’orientamento vocazionale dei giovani

3.
realizza un collegamento tra istituzioni scolastiche e la società civile

4.
contribuisce allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio

L’ALTERNANZA SI INSERISCE NEL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA


1. definisce le competenze attese dall’esperienza

2. progetta il percorso da realizzare con la struttura ospitante

3. prepara i periodi di apprendimento programmando lo sviluppo di quelle conoscenze necessarie per orientarsi

4. sensibilizza e orienta gli studenti a riflettere sulle loro attese relative all’esperienza lavorativa

5. stimola gli studenti all’osservazione delle dinamiche organizzative e dei rapporti tra soggetti nell’impresa o nell’ente ospitante

6. condividere e rielaborare in aula quanto sperimentato fuori dall’aula

7. documenta l’esperienza realizzata

8. dissemina i risultati dell’esperienza

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO IN IMPRESA FORMATIVA SIMULATA


I percorsi di alternanza scuola-lavoro possono prevedere l’utilizzo della metodologia dell’Impresa Formativa Simulata. La metodologia dell’Impresa Formativa Simulata (IFS) consente l’apprendimento di processi di lavoro reali attraverso la simulazione della costituzione e gestione di imprese virtuali che operano in rete, assistite da aziende reali. Un modo nuovo e stimolante di approfondire contenuti ed avvicinarsi al mondo del lavoro in modo interattivo e divertente, attraverso un pratico ambiente di simulazione che riduce la distanza tra l’esperienza teorica e quella pratica.

I DOCUMENTI A DISPOSIZIONE DAL MIUR

Modello del Progetto di Alternanza scuola-lavoro

Patto formativo dello studente - Modulo di adesione ai percorsi di alternanza scuola lavoro

Convenzione tra istituzione scolastica e soggetto ospitante

Griglia di attività dell’impresa formativa simulata

Attestato di certificazione delle competenze

Scheda di valutazione delle competenze a cura della struttura ospitante