Le fonti energetiche nella storia

A cura di Roberto Roveda

I muscoli per cominciare

Quale è stata la prima fonte di energia che l’essere umano ha usato nella storia? È molto semplice: la forza muscolare. Fin dalla più remota preistoria i nostri antenati hanno fatto ricorso all’energia dei loro muscoli per spostare pesi, colpire le prede durante la caccia, lavorare i primi utensili, muoversi alla maggiore velocità possibile. A volte magari ci sfugge ma la forza muscolare è stata la principale risorsa energetica per migliaia e migliaia di anni, almeno fino alla fine del Medioevo. La principale e quella più a buon mercato. Nelle società antiche, per esempio, si faceva ricorso ai muscoli di migliaia di schiavi per lavorare nelle campagne, costruire edifici imponenti, azionare i remi che spingevano le navi da battaglia. Le grandi civiltà dell’antichità, con al primo posto Roma, furono non a caso società schiaviste: basavano il loro funzionamento sull’energia di chi era stato tanto sfortunato da non poter godere della propria libertà per nascita, debiti, perché prigioniero di guerra. E anche per procurarsi sempre nuovi schiavi le grandi potenze antiche facevano guerre di conquista con cui accaparrarsi terre, risorse materiali e, appunto esseri umani. Chi non poteva permettersi il lavoro degli schiavi si accontentava delle proprie braccia e di quelle dei propri familiari, bambine e bambini compresi.