Storia della mafia

Obiettivi

Non è vero che la mafia rappresenti un mero residuo di culture antistatali arcaiche, basate su familismo e senso dell’onore. La verità è che si è ben saputa ambientare nei processi di modernizzazione, traendone profitto. L’ha fatto nella Sicilia occidentale, luogo d’origine della parola e del concetto. L’ha fatto in altre forme e con altri nomi in altre parti del Mezzogiorno d’Italia. E l’ha fatto negli Stati Uniti, paese nel quale da un lato si è irradiata dalla sua isola mediterranea d’origine; ma che dall’altro ha generato per suo conto altre forme di grande criminalità e malaffare assimilabili. La mafia riflette un meccanismo perverso annidato nella società, che vanifica le libertà individuali e collettive. Ma è accaduto (ad esempio col fascismo) che, nel combatterla, un governo abbia vanificato a sua volta le libertà. E in ogni caso i successi della mafia, o viceversa le sue sconfitte, rimandano alle vicende della grande storia, che hanno visto un grande stato-nazione come l’Italia, e la più grande potenza planetaria, gli Stati Uniti, vivere un’alternanza di politiche opposte: tolleranza e contrasto.

 

Si parlerà di:

  • Operazioni anti-mafia tra le due guerre, in Italia e in America.
  • L’anti-mafia in tempi di guerra fredda.
  • Protagonismo mafioso in tempi di crisi della Repubblica (1979-1993).

Relatore

Salvatore Lupo è professore ordinario di Storia contemporanea presso il Dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Palermo. È stato fondatore, e condirettore, della rivista «Meridiana». Ha pubblicato numerosi studi sulla storia d’Italia in età liberale, fascista e repubblicana; sulla storia della Sicilia e del Mezzogiorno; sulla storia della mafia sia siciliana sia americana. Alcuni suoi libri sono stati tradotti in molte lingue. Tra questi: Storia della mafia dall’Unità a oggi (Donzelli, 1993), Il fascismo. La politica in un regime totalitario (Donzelli, 2000). Ultimo volume sulla mafia in inglese: The Two Mafias. A Transatlantic History, 1882-2008 (Palgrave MacMillan, 2015). L’ultimo e più maturo in italiano: La mafia. Centosessant’anni di storia (Donzelli 2018). Per Le Monnier Università ha pubblicato con Angelo Ventrone L’età contemporanea (2018).

Materiale didattico

Tutti i partecipanti riceveranno al termine dell’evento delle schede di approfondimento sul tema oggetto dell’incontro, realizzate a cura della redazione sulla base delle indicazioni del Relatore.

 

Download:
  • Presentazione riassuntiva 2827 Kb

Dal catalogo di Saggistica

L'ETÀ CONTEMPORANEA

Salvatore Lupo, Angelo Ventrone
L’Ottocento e il Novecento sono due secoli che vanno necessariamente considerati parti integranti dell’Età contemporanea; solo così, infatti, si possono mettere in evidenza le radici del mondo in cui viviamo. Il percorso si chiude con l’emersione di nuove potenze e con il conseguente stravolgimento a livello planetario delle precedenti gerarchie politiche ed economiche.
Scopri di più