La Repubblica e il patrimonio: per un’idea di sostenibilità e di bene comune

Obiettivi

Qual è lo spazio dell’esperienza estetica e culturale nella società del Terzo Millennio? E qual è il rapporto tra il patrimonio artistico-culturale e la costruzione dell’identità civica?

A queste interessanti domande risponderemo con l’aiuto di Irene Baldriga, nel live streaming che si terrà mercoledì 5 maggio dalle ore 18,00

L’autrice dialogherà con il giornalista Paolo Conti del nostro rapporto con l’esperienza artistica, sul piano culturale ma anche politico ed emozionale e della necessità sempre più diffusa di un incontro con l’arte, che spesso si scontra con la difficoltà di comprendere i linguaggi espressivi e i loro contesti di riferimento.
La riflessione affronterà l’urgenza di riconsiderare il concetto di cittadinanza, anche alla luce di un rapporto più consapevole con l’ambiente naturale e sociale, con il valore dell’eredità storica e del bene comune. Anche alla luce della recente ratifica della Convenzione di Faro e delle trasformazioni determinate dalla crisi pandemica, l’incontro costituirà un momento di riflessione sul rapporto tra comunità, paesaggio e patrimonio culturale, arrivando a delineare un manifesto della “cittadinanza estetica” quale progetto politico proteso verso nuovi scenari di sostenibilità e di benessere.

 


 

Interviene

Irene Baldriga è storica dell’arte e ricercatrice presso l’Università «Sapienza» di Roma, dove insegna Museologia e Didattica del museo. E’ presidente emerito dell’Associazione Nazionale Insegnanti di Storia dell’Arte e da molti anni è impegnata nel campo della tutela e della valorizzazione dei beni culturali, con una particolare attenzione alla difesa dell’insegnamento della storia dell’arte nelle scuole. È autrice di numerosi saggi e monografie, tra i quali Diritto alla bellezza (2017), Estetica della cittadinanza. Per una nuova educazione civica (2020) e Un Van Gogh per Snoopy (2020). Esperienza estetica, conoscenza, emozione, pubblicati per Le Monnier Università. Nel 2016 ha pubblicato per Electa Scuola il manuale in cinque volumi Dentro l’arte. Contesto, metodo, confronti. Per i suoi meriti culturali, il governo francese le ha conferito il titolo di Cavaliere dell’Ordine delle Palme Accademiche.

Modera

Paolo Conti è giornalista al Corriere della Sera dal 1980. E’ stato vicecaporedattore e caporedattore dell’Edizione Romana dal 1988 al 1991, quindi vicecaporedattore dell’Ufficio Romano. Dal 1993 inviato di attualità politiche e culturali, è stato a lungo inviato speciale all’estero: Iran, Albania, ex Jugoslavia, Etiopia, India, Bangladesh. Oggi è editorialista, specializzato nell’informazione sul Patrimonio culturale italiano. E’ autore di diversi libri tra cui Il nuovo dell’Italia è nel passato, intervista ad Andrea Carandini, Laterza, 2012.