Obiettivi

La crisi economica del 1929 ha costituito un momento di svolta della storia del XX secolo. Le cause della crisi sono da rinvenirsi in problemi legati agli effetti della Prima guerra mondiale, più che nel comportamento degli istituti bancari, che furono coinvolti in una lunga catena di fallimenti solo dopo due anni. La lunghezza della crisi fu dovuta ad errori della politica economica, all’epoca troppo legata a schemi di interventi monetari e fiscali tradizionali. Non crollarono solo gli investimenti, ma, per le carenze dei sistemi di welfare, anche i consumi. Le conseguenze politiche della crisi furono devastanti: salita al potere del nazismo; svolta bellicista del fascismo italiano e alleanza con Hitler; guerra civile spagnola; fallimento politico della Francia; appeasement della Gran Bretagna e scoppio della Seconda guerra mondiale. Solo gli Stati Uniti conobbero una reazione positiva alla crisi, grazie al il New Deal di Franklin Delano Roosevelt. Il genio di John Maynard Keynes riuscì poi negli anni trenta ad imprimere una svolta alla teoria economica che avrebbe avuto positive influenze, però, solo dopo la fine della guerra. Le crisi economiche possono infatti innescare reazioni distruttive o creative, anche in rapporto alla capacità della politica e degli economisti di uscire dagli schemi abituali: una lezione quanto mai attuale oggi, nel mezzo di una nuova, epocale Crisi.

 

Si parlerà di:

  • Le cause della crisi.
  • Le inadeguatezze della politica economica dell’epoca.
  • I fallimenti bancari tra 1931 e 1933.
  • Le conseguenze politiche della crisi.
  • L’eccezione americana: il New Deal di Franklin Delano Roosevelt.
  • Il genio di John Maynard Keynes.
  • Reazioni creative e reazioni distruttive alle crisi.

Relatrice

Vera Negri Zamagni insegna Storia economica alla Facoltà di Economia di Bologna. Ha studiato il processo di sviluppo economico italiano dall’unificazione a oggi, occupandosi in particolare di squilibri regionali, distribuzione del reddito, standard di vita, intervento dello stato, sviluppo del movimento cooperativo e storie d’impresa. Ha fondato la «European Review of Economic History» (Cambridge University Press), rivista leader di storia economica europea, e ha collaborato con «Il Sole 24Ore» e altri quotidiani e riviste.

Materiale didattico

Tutti i partecipanti riceveranno al termine dell’evento delle schede di approfondimento sul tema oggetto dell’incontro, realizzate a cura della redazione sulla base delle indicazioni del Relatore.

Come partecipare

  • Ti ricordiamo che l’iscrizione è avvenuta correttamente solo se hai ricevuto il tuo BADGE EVENTO via email. Per partecipare alla diretta streaming, basta cliccare sul link inserito nella mail di conferma iscrizione e cliccare sul tasto PARTECIPA, nel giorno e all’ora dell’evento prescelto.
  • Se non hai ricevuto il biglietto, ripeti l’iscrizione e completa la procedura entro le ore 23:59 del giorno dell’evento.

Non sei riuscito/a a iscriverti correttamente? Consulta la pagina FAQ

Attestato di partecipazione

Entro una settimana lavorativa dall’evento il tuo attestato di partecipazione sarà disponibile alla pagina mondadorieducation.it/attestati 

Dal nostro Catalogo

UNA STORIA GLOBALE

STORIA ECONOMIA E SOCIETÀ

Vera Negri Zamagni, Germana Albertani, Carlo De Maria, Tito Menzani
Per il 2° biennio e il 5° anno dei Licei
Una Storia globale è un testo d’autore nel quale coesistono autorevolezza dei contenuti e semplicità dell’esposizione. L’impostazione e l’indice sono fortemente innovativi, in particolare per il Novecento, con la trattazione di temi come i diritti umani, la parità tra i sessi, il riconoscimento delle minoranze, le culture e le religioni. Il metodo di insegnamento, basato su un’attenzione particolare alla dimensione globale, ai momenti di svolta della storia, dell’economia e della società, rende questo corso fortemente innovativo e una guida per comprendere il presente in cui viviamo.
Scopri di più