Oggi non è più possibile insegnare la letteratura come è stata insegnata a noi docenti. Il monte ore dedicato, i metodi, i contenuti stessi sono soggetti a un forte ridimensionamento dovuto alla concorrenza dei materiali presenti in rete e di strumenti alternativi per procurare dati e apprenderli. Qual è il compito del manuale, a questo punto? Quello di fornire allo studente ciò che non trova altrove, e cioè l’avviamento alla comprensione e all’analisi dei testi, alla riflessione critica, alla capacità di istituire collegamenti, paralleli, confronti, che sono poi le competenze richieste anche dall’esame di Stato. Uno sforzo che abbiamo affrontato nel preparare le nuove edizioni – che sono sempre più nuove concezioni – dei manuali di letteratura Signorelli.


Laureato in lettere classiche, Angelo Roncoroni è stato dapprima ricercatore nell’Istituto di Letteratura latina nell’Università di Pavia, poi professore a contratto di Lingua e letteratura latina e di Composizione italiana nell’Università IULM di Milano e docente ordinario di latino e greco nei licei. Ha pubblicato studi di letteratura latina tardoantica e ha lavorato ad antologie di classici latini e greci, manuali scolastici di letteratura latina, lingua latina e letteratura italiana, con particolare riguardo alla scrittura.