Obiettivi

La lezione verte principalmente sul rapporto che intercorre tra cittadinanza intesa come condizione giuridico-formale e inclusione/esclusione sociale delle donne e delle altre differenze dalla sfera pubblica. Verrà ricostruito un quadro storico-genealogico, tendenzialmente circoscritto a quattro momenti: la costituzione della polis e della cittadinanza (politeia) nella Grecia antica come primo momento di esclusione delle donne e degli stranieri dalla sfera pubblica; la Rivoluzione francese e la Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino come un momento costitutivo di una nuova idea di modernità e di cittadinanza, ma anche dell’idea di un universalismo basato sull’Uno (maschio, bianco, etero, padre di famiglia); la rivendicazione di una piena cittadinanza femminile nella seconda metà dell’Ottocento, attraverso il movimento delle suffragiste nato con il Congresso di Seneca Falls nel 1848; il nesso, nato nel Novecento, tra la cittadinanza e l’appartenenza a uno Stato-nazione e allo status di lavoratore o lavoratrice.

 

Si parlerà di:

  • Costituzione della polis e costituzione della cittadinanza (politeía) nella Grecia antica.
  • La Rivoluzione francese e la Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino.
  • Il movimento delle suffragiste e la rivendicazione di una piena cittadinanza femminile.
  • Il Novecento e la cittadinanza legata all’appartenenza a uno Stato-nazione e al lavoro.
  • Concezione statica e concezione dinamica della cittadinanza.

Relatrice

Anna Simone insegna Sociologia giuridica della devianza e del mutamento sociale presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Roma3. Da diversi anni lavora su diritto e femminismo e sulla ‘devianza’ femminile, svolgendo molte conferenze sul tema. Per Mondadori Università è autrice, con Ilaria Boiano e Angela Condello, di Femminismo giuridico. Teorie e problemi (2019).

Materiale didattico

Tutti i partecipanti riceveranno al termine dell’evento delle schede di approfondimento sul tema oggetto dell’incontro, realizzate a cura della redazione sulla base delle indicazioni del Relatore.