Come scoppia un conflitto. Le cause della Seconda guerra mondiale

Obiettivi

La Seconda guerra mondiale (1939-1945 nella partizione classica) ha stabilito, con i suoi esiti, il paradigma della potenza globale. Esempio plastico, i 5 membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu sono i 5 vincitori della guerra – Russia (Urss), Usa, Cina, Francia, Regno Unito –, mentre in Italia manca tuttora la consapevolezza che quella sconfitta la declassa ancora oggi sulla scena internazionale. Il dibattito storiografico sulle cause che hanno condotto al conflitto è ancora aperto, ma alcuni dati sono evidenti. In particolare: il peso della Prima guerra mondiale e dei trattati di pace, in particolare Versailles, che non avevano risolto i problemi all’origine del conflitto, ma che avrebbero anzi favorito il secondo atto; la devastante crisi del Ventinove; l’ascesa degli imperialismi tedesco, giapponese e italiano. La lezione ricostruirà i termini del dibattito, che si riflette nell’attualità, visto che, in fin dei conti, la «guerra dei Trent’anni (1914-1945)» ha forgiato il mondo in cui viviamo.

 

Si parlerà di:

  • L’eredità della Prima guerra mondiale.
  • Gli obiettivi di guerra di Hitler e quelli di Giappone e Italia; sul fronte opposto, Inghilterra/Francia/Usa.
  • I due tempi della guerra, in Asia (dal 1931?), in Europa (dal 1939) e poi nel mondo (dal 1941).
  • Il peso degli apparati militari e le tecniche belliche.
  • La propaganda di guerra e il mito dell’ultima guerra.
  • Le conseguenze della guerra dei Trent’anni, 1914-1945.

Relatore

Lucio Caracciolo, direttore della rivista italiana di geopolitica «Limes», è docente di studi strategici presso la Luiss-Guido Carli di Roma e di geopolitica presso l’Università San Raffaele di Milano, nonché autore di diversi saggi di storia e geopolitica, da Alba di Guerra Fredda. All’origine delle due Germanie (1945-46) (Laterza, 1986) a America versus America. Perché gli Stati Uniti sono in guerra contro se stessi (Laterza, 2011). È Head of Geopolitics presso Macrogeo, fondazione di analisi macroeconomica e geopolitica basata a Londra. È autore, con Adriano Roccucci, del manuale Storia contemporanea. Dal mondo europeo al mondo senza centro (Le Monnier Università, 2017).

Materiale didattico

Tutti i partecipanti riceveranno al termine dell’evento delle schede di approfondimento sul tema oggetto dell’incontro, realizzate a cura della redazione sulla base delle indicazioni del Relatore.

Come partecipare

  • Ti ricordiamo che l’iscrizione è avvenuta correttamente solo se hai ricevuto il tuo BADGE EVENTO via email. Per partecipare alla diretta streaming, basta cliccare sul link inserito nella mail di conferma iscrizione e cliccare sul tasto PARTECIPA, nel giorno e all’ora dell’evento prescelto.
  • Se non hai ricevuto il biglietto, ripeti l’iscrizione e completa la procedura entro le ore 23:59 del giorno dell’evento.

Non sei riuscito/a a iscriverti correttamente? Consulta la pagina FAQ

Attestato di partecipazione

Entro una settimana lavorativa dall’evento il tuo attestato di partecipazione sarà disponibile alla pagina mondadorieducation.it/attestati 

STORIA CONTEMPORANEA

Dal mondo europeo al mondo senza centro

Lucio Caracciolo, Adriano Roccucci
Questo volume offre un quadro ampio e chiaro di conoscenze e interpretazioni della storia contemporanea, utili a comprendere le vicende del mondo dalla metà dell’Ottocento, segnata dal protagonismo dell’«Europa mondiale», fino ai nostri giorni, caratterizzati da un «mondo senza centro». Un ricco apparato cartografico arricchisce il volume.
Scopri di più