cover
Novità

NUOVO DEVOTO-OLI 2021

Il vocabolario dell'italiano contemporaneo

Giacomo Devoto, Gian Carlo Oli, Luca Serianni, Maurizio Trifone

Con app scaricabile su smartphone e tablet e consultabile online

Esce il Nuovo Devoto-Oli 2021Il vocabolario dell’italiano contemporaneo, aggiornato nel lemmario e rinnovato nell’impostazione e nella struttura di molte voci, completamente riscritte per renderle accessibili e rispondenti alle esigenze del lettore moderno. Tanti sono i neologismi in questa nuova edizione, a riprova dell’eccezionalità dell’anno che stiamo vivendo, un anno che segnerà un’epoca e resterà nella memoria di tutti a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Registrando tutti i cambiamenti della lingua, mai come quest’anno segnata dagli eventi ancora in divenire, il Nuovo Devoto-Oli 2021 offre un interessante spaccato della realtà contemporanea con i suoi numerosi nuovi significati e si conferma ancora una volta uno straordinario testimone del nostro tempo e della nostra storia. Restano poi centrali e caratterizzanti gli aiuti e i suggerimenti linguistici che permettono di essere sempre al passo con i tempi e in sintonia con i mutamenti dell’italiano, una lingua in continuo cambiamento.

Una spiccata attenzione alla contemporaneità del linguaggio, dunque, è questa la caratteristica principale del Nuovo Devoto-Oli 2021, un osservatorio privilegiato della lingua che mette al servizio dei propri lettori tutte le conoscenze acquisite in tanti anni di monitoraggio e studio dell’italiano sotto la direzione esperta di linguisti come Giacomo Devoto e Gian Carlo Oli, gli autori che concepirono il vocabolario nel 1967, e Luca Serianni e Maurizio Trifone, i filologi che sono oggi alla guida dell’opera.

Tre sono le caratteristiche fondamentali che rendono il Nuovo Devoto-Oli 2021 una bussola indispensabile per orientarsi nelle insidie della comunicazione e per cimentarsi nella difficile arte del bel parlare e dello scrivere bene:

1. I neologismi e i nuovi significati Nel Nuovo Devoto-Oli 2021 sono oltre 600 le nuove parole e i nuovi significati, tratti come di consueto dal linguaggio dell’attualità (Covid-19, lockdown, distanziamento sociale, spillover, droplet, autoquarantena, quarantenare, tamponare, biocontenimento, cisgender), della politica (climaticida, denatalista, dublinante, immigrazionismo, parlamentizzare), dell’economia e della finanza (MES, bull market e bear market, tassa digitale, ecotassa, microfinanza, micromanager), della cultura e dei mass media (infodemia, contact tracing, deepfake), dei giornali e della televisione (cucinata, upcycling, carbon neutral), di gerghi e modi di dire (sbarazzo, sbrilluccicare, scaffalista) e delle nuove mode e tendenze (aquapole, aperisushi, fooding, dorayaki).

2. Definizioni semplici e chiare Il lungo e approfondito lavoro di riscrittura e ristrutturazione delle voci guida il lettore nella comprensione dei significati definiti in maniera semplice, in un linguaggio moderno e universalmente comprensibile. Anche quest’anno si è proceduto alla riscrittura integrale di ca. 2.000 parole di uso comune che proprio per questo più di altre risentono dei cambiamenti che avvengono nella nostra cultura e nella nostra società; si tratta di sostantivi come radiazione, radice, macchia, maggioranza e minoranza o di aggettivi pacifico, patriottico, pazzesco e vanitoso.

3. Le tre rubriche di “pronto soccorso linguistico”
Per dirlo in italiano, che aiuta a trovare alternative alle parole inglesi superflue o difficili da capire, come appeal o must, molto usate nella moda e nel marketing, dove possono essere sostituite la prima con fascino o attrattiva (un prodotto con un grande appeal sul pubblico = un prodotto di grande richiamo per il pubblico), la seconda con l’aggettivo imperdibile (l’accessorio è un must della stagione = l’accessorio imperdibile della stagione); oppure anglicismi come workshop, sostituibile con seminario o laboratorio (terranno un workshop di ricamo = terranno un laboratorio di ricamo) e location, che può essere rimpiazzato semplicemente da luogo o posto (cerco una location per la mia festa di compleanno = cerco un posto per la mia festa di compleanno);

Parole minate, per scrivere e parlare correttamente, evitando gli errori più diffusi, come scrivere un acme anziché un’acme, dato che si tratta di un sostantivo femminile, oppure come dire egìda anziché ègida, con l’accento sulla terzultima sillaba che è la pronuncia corretta; se fare errori di ortografia e di pronuncia ci espone sempre al rischio di essere apostrofati e presi in giro, questo rischio aumenta quando si utilizzano parole del lessico colto come acme ed egida che, proprio in quanto termini elevati e formali, si suppone siano ben noti a chi li usa;

Questioni di stile, con suggerimenti concreti per esprimersi in maniera appropriata a seconda del contesto e della situazione; un buon esempio sono le rubriche dedicate all’uso transitivo di verbi intransitivi, scorretto in italiano standard nonostante sia molto diffuso in alcune varietà dialettali; tra questi verbi troviamo sparare, in frasi come sorprende il ladro in casa e lo spara, anziché sorprende il ladro in casa e gli spara oppure è stato sparato anziché gli hanno sparato; oppure uscire, salire e sedere in frasi come esci il cane anziché porta fuori il cane o sali le valigie anziché porta su le valigie o ancora siedi il bambino anziché metti seduto il bambino.

La contemporaneità del Nuovo Devoto-Oli 2021 è evidente anche in altri due aspetti, che raccontano una nuova idea di vocabolario:

• le due versioni, la cartacea e la digitale, fortemente integrate tra loro; acquistando il vocabolario cartaceo, infatti, si ha a disposizione anche l’edizione digitale, che può essere consultata online e scaricata sul proprio tablet e sullo smartphone iOS e Android, per avere sempre il vocabolario a portata di mano;

• l’impegno per tutelare l’ambiente e garantire alle generazioni future un pianeta sano e pulito; a tale scopo la carta e l’imballaggio dell’edizione 2021 sono stati selezionati in base a criteri ecologici e sostenibili.

I NUMERI DEL NUOVO DEVOTO-OLI 2021
Il volume

  • pp. 2.560 
  • 75.000 voci
  • 250.000 definizioni
  • 
45.000 locuzioni
  • 600 neologismi e nuovi significati 
  • 200 note Per dirlo in italiano 

  • 147 note Questioni di stile
  • 288 note Parole minate
  • 10.000 parole di base
  • 58.000 tra verbi, aggettivi e sostantivi
  • 66.000 etimologie

Risorse digitali e approfondimenti

Offerta digitale

Disponibile come sito web e come applicazione per tablet e smartphone iOS e Android, la versione digitale del Nuovo Devoto-Oli 2021 è pensata per avere il vocabolario sempre a portata di mano.

La facilità di accesso e la semplicità nella consultazione sono le principali caratteristiche.

I NUMERI DEL NUOVO DEVOTO-OLI 2021

  • 110.000 voci
  • 300.000 definizioni 4
  • 5.000 locuzioni
  • 600 neologismi e nuovi significati 
  • 210 note Per dirlo in italiano 

  • 150 note Questioni di stile 

  • 291 note Parole minate 
  • 10.000 parole di base
  • 88.000 tra verbi, aggettivi e sostantivi
  • 98.000 etimologie
  • 33.000 voci con sinonimi e contrari per un totale di 260.000
  • coniugazione completa di tutti i verbi, femminili e plurali di tutti i sostantivi, aggettivi e pronomi
  • audio di tutte le voci
  • condivisione del lemma, inviandolo tramite e-mail o postandolo sui principali social network, per commentarlo insieme e risolvere dubbi durante lo studio o il lavoro.

Configurazioni e acquisto

  • Novità

    Volume + versione digitale: app scaricabile su smartphone e tablet e consultabile online

    pp. 2560 isbn: 9788800500890